EMILIANO BARBUCCI


Viernes 14 de Febrero | 20.00h | Cine Albéniz

Director de la película "Gramsci 44"

Nato a Reggio Calabria nel 1981. Nel 2008 si laurea presso la facoltà di Lettere e Filosofia di Cosenza, corso di laurea in Dams, concludendo gli studi con una tesi in Cinematografia documentaria. Collabora per due anni con la Cattedra del Prof. Cesare Pitto, ordinario di Antropologia culturale e Cinematografia documentaria presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università della Calabria, partecipando al progetto di ricerca “Prima mappa dell’insularità del Mezzogiorno: il mare,le isole, le comunità, la cultura, i trasporti e la comunicazione ”. La facoltà di Lettere e Filosofia dell’Unical gli riconosce per il biennio 2009-2010 il titolo di Cultore della materia in Discipline demoetnoantropologiche. Il suo primo lavoro da regista è il documentario etno-antropologico breve "Forte più del mare", del 2009.
Nel 2015 gira lo spot "Il razzismo è un brutto sogno" per il Servizio Centrale SPRAR – Ministero dell’Interno.
Nel 2016 esce il suo primo lungometraggio, "Gramsci 44": il docufilm narra una pagina di storia che cambia per sempre la vita di un villaggio,
Ustica, emarginata isola a nord di Palermo. All’inizio del 900 l'attracco del vaporetto è un evento che richiama al molo gli isolani incuriositi dalle novità in arrivo del “continente”. Col ventennio fascista però il battello a vapore comincia a portare anche uomini in catene: l'isola di Ustica viene infatti destinata ad accogliere confinati politici e coatti criminali, inviati lì per non nuocere alla dittatura fascista. Nel Dicembre del 1926 arriva sull’isola anche Antonio Gramsci, intellettuale comunista deputato al Parlamento Italiano, condannato a scontare un confino politico della durata di cinque anni, che diventeranno 44 giorni. Lo spirito degli isolani, sensibili al fascino dell’accoglienza, e l’impegno sociale dei nuovi arrivati, trovano da subito un punto di incontro nella costituzione della prima scuola di Ustica, organizzata dai confinati politici per sopravvivere alla lenta e logorante morte intellettuale cui sono condannati. La scuola clandestina, aperta a tutti, argina l’analfabetismo coinvolgendo cittadini di ogni età e stato sociale.
Di quella scuola oggi molti hanno ancora un vivo ricordo, costituisce uno dei fondamenti della memoria storica dell'isola. Gramsci 44 è una produzione Ram Film con il contributo di Sicilia Film Commission, la sceneggiatura di Emanuele Milasi, Direttore della Fotografia
Daniele Ciprì, Attore protagonista Peppino Mazzotta e con Americo Melchionda nel ruolo di Amadeo Bordiga. Nell'agosto del 2015, Emiliano Barbucci viene selezionato per partecipare alla Summer School di Marco Bellocchio, Scuola di Alta Formazione Cinematografica per Filmakers, nell’ambito del Bobbio Film Festival 2015, corso tenuto da Daniele Ciprì. Ad ottobre 2015 collabora come Aiuto Operatore alla lavorazione del corto “Non toccate questa casa” di Americo Melchionda, prodotto dalla Ram Film, Direttore della Fotografia Rocco Marra.
Nel novembre del 2015 firma il montaggio del docufilm "Radiomigrante", di Gaetano Crivaro ed Emanuele Milasi, Produzione Ram Film. Ad Aprile 2018 è il regista del videoclip "Dave the chair", pezzo del cantautore scozzese Charles Winning, produzione Ramfilm.